X

Cart

NORMA

Musica di 
VINCENZO BELLINI
Casa Ricordi, Milano

Tragedia lirica in due atti su libretto di Felice Romani

Date

Teatro Regio di Parma

venerdì 18 marzo 2022, ore 20.00 Opera A
domenica 20 marzo 2022, ore 15.30 Opera B
venerdì 25 marzo 2022, ore 20.00 Opera C
domenica 27 marzo 2022, ore 15.30 Opera D

Durata complessiva 3 ore, compreso un intervallo

 

Cast

Norma ANGELA MEADE
Pollione STEFAN POP
Oroveso MICHELE PERTUSI
Adalgisa CARMELA REMIGIO
Flavio JOHN MATTHEW MYERS
Clotilde MARIANGELA MARINI

 

Maestro concertatore e direttore
SESTO QUATRINI

Regia
NICOLA BERLOFFA

Scene
ANDREA BELLI

Costumi
VALERIA DONATA BETTELLA

Luci
MARCO GIUSTI
Collaboratore alle luci
GIORGIO VALERIO

ORCHESTRA FILARMONICA ITALIANA

CORO DEL TEATRO REGIO DI PARMA

Maestro del coro
MARTINO FAGGIANI

 

Nuovo allestimento del Teatro Regio di Parma

In coproduzione con Teatro Municipale di Piacenza, Teatro Comunale di Modena

Assistente alla regia Mario Binetti
Assistente alle scene
Giulia Turconi
Collaboratore alle luci
Giorgio Valerio

Direttore di scena Ermelinda Suella
Direttore musicale di palcoscenico
Massimo Fiocchi Malaspina

Maestro di sala e di palcoscenico Gianluca Ascheri, Anna Dang Anh Nga Bosacchi

Maestro alle luci Melissa Mastrolorenzi

Maestri ai soprattitoli Enrica Apparuti, Marco Turri

Soprattitoli a cura di Enrica Apparuti

Scene e costumi Teatro Regio di Parma;

Attrezzeria Teatro Regio di Parma, Rancati (Milano)

Calzature Epoca (Milano); Parrucche Audello Teatro (Milano); Trucco e parrucco Accademia Backstage;

Responsabile di produzione Ilaria Pucci; Responsabile dei servizi tecnici Andrea Borelli

Direttore di palcoscenico Giacomo Benamati
Scenografo realizzatore e consulente agli allestimenti scenici Franco Venturi

Responsabile macchinisti Giuseppe Caradente
Responsabile elettricisti Giorgio Valerio

Responsabile attrezzeria Monica Bocchi
Consulente per la sartoria Lorena Marin

Personale tecnico, amministrativo e di palcoscenico del Teatro Regio di Parma

 

Una storia senza tempo – Note di regia

Questo allestimento arriva finalmente in Italia dopo una tournée europea. Si tratta non di una ripresa, ma di un riadattamento dovuto alle regole sanitarie imposte dall’emergenza Covid: lo spettacolo è stato, infatti, ricostruito rispettando le regole sul distanziamento.
L’idea centrale resta, comunque, quella originale. Sullo sfondo di una guerra continua osserviamo i detriti di una società vinta e conquistata. Troviamo i Galli sconfitti che vivono reclusi in un palazzo ottocentesco incendiato e devastato, ultime vestigia di un potere perduto. Nessun druido con la barba, ma vecchi generali e soldati attaccano con le poche forze restanti Norma, cercando di estorcerle il segnale atto ad una agognata e penosa nuova Rivoluzione.
In questo adattamento si è spostata l’azione del dramma verso un Ottocento europeo, nel periodo delle grandi lotte e delle rivoluzioni interne che hanno segnato il XIX secolo, pur rispettando perfettamente le dinamiche conflittuali tra vincitori e vinti, i deliri amorosi e le gelosie uterine delle eroine belliniane. Potremmo trovarci a Solferino o a Parigi ai tempi della guerra prussiana. Vedremo cadere Norma, da “donna del popolo” a nuova vittima designata, perché nell’arco del racconto
la sacerdotessa passa da beniamina a traditrice con una logica assolutamente moderna e marziale: nessun processo l’attende, solo una condanna urlata dalla piazza con una relativa violenta esecuzione. I temi suggeriti dal libretto potrebbero portarci ad una facile attualizzazione, ma questo non è necessario perché la scrittura musicale di Bellini riesce in modo moderno a farci scoprire personaggi che, una volta liberati dai numeri di parata, provano sentimenti umani. Che sono gli stessi che proviamo noi oggi.

Nicola Berloffa 

 

Note di direzione

Norma è una delle opere che hanno plasmato il mondo artistico occidentale, tra le dieci più grandi dell’intero repertorio, sia per il valore che risiede soprattutto nella ricchezza melodica e nella forza drammatica che per le straordinarie novità espressive. Il pubblico ama Norma e ha grandi aspettative quando assiste ad una nuova messa in scena, condizionato da allestimenti leggendari che hanno contribuito a ingigantire la fortuna di questo capolavoro belliniano.
Tuttavia la partitura presenta una tale ricchezza sul piano musicale e scenico, e offre così tante possibili interpretazioni, da escluderne una lettura univoca: qualunque sia quella scelta, Teatro e Musica devono sostenersi e rafforzarsi a vicenda. In Norma il contesto storico della trama è piuttosto incidentale. Si prenda ad esempio Tosca: senza un’ambientazione romana, se ne perde parte dell’essenza e, comunque, gran parte delle nuances idiomatiche. Non è così per Norma: qui sono trascurabili alcuni riferimenti a luoghi precisi o ad epoche certe: gli eventi narrati sono piuttosto una cornice nella quale si innestano le emozioni soggettive ed i rapporti drammaturgici tra i protagonisti.
In qualsiasi opera si può raccontare la storia su due livelli: il primo è la lettura del regista, e il secondo è la musica – soprattutto la voce in questo caso. La partitura di Norma è un enorme specchio delle emozioni soggettive più intime dei personaggi, caratteristica tipica del Belcanto. I cantanti possono utilizzare la proiezione di voci particolari, filati, messe di voce, diminuendo, lunghissime pause drammatiche come strumenti per comunicare la psicologia dei personaggi. Norma, rappresentata per la prima volta a Milano nel 1831, è una tipica opera belcantista e ciò richiede un approccio specifico da parte dei cantanti e del direttore d’orchestra. Che cos’è davvero il Belcanto? Per molti questo termine identifica l’Opera di un certo periodo, che va da Rossini al giovane Verdi passando per Bellini e Donizetti. A mio parere il Belcanto è molto di più: un certo modo di cantare, di trattare l’orchestra, di approcciare il dramma, attraverso forme archetipe: uno stile che implica specifici aspetti tecnici, poetici e musicali. La costante e disperata cura del testo e delle parole ed i loro significati teatrali e metateatrali. Proprio per questo un elemento determinante nel Belcanto e più specificamente di Norma sono i silenzi, spesso lunghi e assordanti. La partitura è ricca di pause senza cadenze, da affrontare coraggiosamente, le quali producono sensazioni di vuoto cosmico.
Dobbiamo godere dei silenzi, e lasciare la possibilità, al pubblico e a noi stessi, di sfruttare attivamente questi momenti di pausa: provengono dal corpo e dallo spirito dei personaggi. Sono musica.

Sesto Quatrini 

 

 

Making of Norma

 

Lo spettacolo

Approfondimenti

Calendario

La Stagione e il Festival Verdi sono realizzati grazie al contributo di:




Media partner

Main Partner

Main partner

Major Partner

Sponsor

Sponsor

Sponsor

Main Sponsor

Main Sponsor

Sostenitore

Sostenitore

Sostenitore

Sostenitore

Sostenitore

Sostenitore

Sostenitore

Sostenitore

Sostenitore

Sostenitore

Sostenitore

Sostenitore

Legal counselling

Con il supporto di

Advisor

Hospitality partner

Con il contributo di

Con il contributo di

Con il contributo di

Con il contributo di

Con il contributo di

Con il contributo di

Con il contributo di

Con il contributo di

Il Teatro Regio di Parma
aderisce a

Il Teatro Regio di Parma
aderisce a

Il Teatro Regio di Parma
aderisce a

Il Teatro Regio di Parma
aderisce a

Partner artistico

Partner artistico

Partner artistico

Partner artistico

Radio ufficiale

Tour operator partner

Partner istituzionale

Partner istituzionale

Sponsor tecnico

Sponsor tecnico

Sponsor tecnico

Sponsor tecnico


Sponsor tecnico

Sponsor tecnico

Sponsor tecnico

Sponsor tecnico

Sponsor tecnico

Digital counselling

0
    0
    Il Tuo Carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna al Negozio